Trento - Bondone
sabato 30 giugno 2012
Le parole dei protagonisti dopo le prove di oggi

Ecco i commenti dei piloti che abbiamo raccolto questa sera al paddock.

Simone Faggioli: «Il mio tempo oggi è stato buono, ma non eccezionale. Nel complesso sono abbastanza soddisfatto di queste prove, ma domani in gara sarà molto diverso. Questo perché il gran caldo influirà parecchio, non sarà affatto facile stabilire tempi da record, servirà molta capacità di gestirsi. Quella del Bondone è una competizione molto lunga, capire cosa succederà è un terno al lotto. Sono contento di essere favorito, ma dobbiamo comunque tenere alta la concentrazione perché in gara può accadere davvero di tutto».

Francesco Leogrande: «Sono triste e felice allo stesso tempo. Sono chiaramente felice per il terzo posto assoluto ed anche per il crono, ma purtroppo nell'ultima prova di oggi la macchina ha avuto un problema. Adesso stiamo cercando di risolverlo ma sembra qualcosa di serio, spero di riuscire a partire domani, perché ci tengo a fare bene in una gara così bella. Peccato solo per questo caldo, ma qui a Trento accade spesso di correre o con un gran caldo o con situazione meteo incerta. Forse bisognerebbe correre qui a maggio, sarebbe un'idea per non rischiare di avere condizioni climatiche che influiscano troppo sulla gara».

Christian Merli: «Sono abbastanza contento di queste prove, penso che grosso modo i tempi fatti registrare da tutti corrispondano al loro reale potenziale. Anche se forse in gara qualcuno potrebbe migliorarsi e di non poco. Io sono già al limite, il mio tempo è buono e non penso che potremmo abbassarlo di molto. Soprattutto se anche domani farà tanto caldo. Le gomme si usurano rapidamente ed il motore fa più fatica, bisognerà riuscire a gestirsi bene. Adesso cercheremo di fare delle scelte sull'assetto dell'auto per cercare di metterla nelle migliori condizioni possibili».

Gabriella Pedroni: «Io soffro il caldo più ancora della mia macchina, è stata davvero durissima. Finora sta andando tutto molto bene, come prima cosa puntavo a togliermi un po' di ruggine, visto che da tre anni non correvo con questa vettura. Poi piano piano più guidavo e più cresceva il feeling con questa macchina. Domani punto al tempo, a cercare di stabilire il mio nuovo personale. Finora mi sono fermata a 10’53”, punto a un 10’40”. Sarei davvero felicissima».

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,125 sec.